Hobbyfotografando vi porta a Torino il weekend del 7-8 Marzo 2020

Nati l’estate scorsa quasi per gioco, Hobbyfotografando sono una serie di appuntamenti che consistono in uscite fotografiche in compagnia di Angela e Michele con successiva analisi e ottimizzazione degli scatti realizzati dai partecipanti. I lavori finali vengono pubblicati in una rivista chiamata appunto “Hobbyfotografando”.

Gli appuntamenti sono dedicati ai fotoamatori che desiderano “tenersi allenati” con la propria fotocamera, divertendosi. Aperti a tutti, non servono conoscenze tecniche approfondite, anche se sono consigliati a chi abbia già una conoscenza base dell’uso della propria fotocamera.

Per il mese di marzo abbiamo voluto inventarci un appuntamento un po’ diverso dal solito, un weekend tutto dedicato alla fotografia, con un paio di mostre molto interessanti, la visita a due musei e alcune zone della città di Torino che possono essere punti di ispirazione fotografica.

Le tappe da non perdere nei due giorni torinesi:

Helmut Newton


GAM, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino

A cura di Matthias Harder, curatore della Helmut Newton Foundation di Berlino, In collaborazione con Civita Mostre Musei


Il progetto espositivo è di Matthias Harder, curatore della Helmut Newton Foundation di Berlino, che ha selezionato 68 fotografie con lo scopo di presentare una panoramica, la più ampia possibile, della lunga carriera del grande fotografo tedesco.

Apre “idealmente” l’esposizione il ritratto di Andy Warhol realizzato nel 1974 per Vogue Uomo, l’opera più tarda è invece il bellissimo ritratto di Leni Riefenstahl del 2000. In questo lungo arco di tempo Newton ha realizzato alcuni degli scatti più potenti e innovativi del suo tempo.

Dei numerosi ritratti a personaggi famosi del Novecento sono visibili circa 25 scatti, tra i quali quello a Gianni Agnelli (1997), a Paloma Picasso (1983), a Catherine Deneuve (1976), ad Anita Ekberg (1988), a Claudia Schiffer (1992) e a Gianfranco Ferrè (1996).

Delle importanti campagne fotografiche di moda, invece, sono esposti alcuni servizi realizzati per Mario Valentino e per Thierry Mugler nel 1998, oltre a una serie di importanti fotografie, ormai iconiche, per le più importanti riviste di moda internazionali.


Memoria e passione. Da Capa a Ghirri. Capolavori dalla Collezione Bertero

Con Memoria e passione. Da Capa a GhirriCapolavori dalla Collezione BerteroCAMERA – Centro Italiano per la Fotografia si anima attraverso le storie e i racconti celati nelle immagini più significative della Collezione Bertero, raccolta unica in Italia per originalità dell’impostazione e qualità delle fotografie presenti.

Tra le oltre duemila immagini che compongono la collezione, i curatori ne hanno scelte più di duecento, realizzate da circa cinquanta autori provenienti da tutto il mondo: tra i tanti, spiccano i nomi di Bruno Barbey, Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Robert Capa, Lisetta Carmi, Henri Cartier-Bresson, Mario Cattaneo, Carla Cerati, Mario Cresci, Mario De Biasi, Mario Dondero, Alfred Eisenstaedt, Luigi Ghirri, Mario Giacomelli, Jan Groover, Mimmo Jodice, William Klein, Herbert List, Duane Michals, Ugo Mulas, Ruth Orkin, Federico Patellani, Ferdinando Scianna, Franco Vimercati e Michele Zaza.

Curata da Walter Guadagnini, direttore di CAMERA, con la collaborazione di Barbara Bergaglio e Monica Poggi, la mostra racconta il nostro passato e le radici del nostro presente, oltre all’evoluzione della fotografia italiana e internazionale di un intero trentennio.


Museo Nazionale del Cinema

Tra i più importanti al mondo per la ricchezza del patrimonio e la molteplicità delle sue attività scientifiche e divulgative, il Museo Nazionale del Cinema deve la sua unicità alla peculiarità dell’allestimento espositivo. Ospitato alla Mole Antonelliana, monumento simbolo di Torino, il Museo si sviluppa a spirale verso l’alto, su più livelli espositivi, dando vita a una presentazione spettacolare delle sue straordinarie collezioni e ripercorrendo la storia del cinema dalle origini ai giorni nostri, in un suggestivo itinerario interattivo.


Mole Antonelliana

Simbolo architettonico della città di Torino, la Mole Antonelliana fu inizialmente concepita come Sinagoga, prima di essere acquistata dal Comune per farne un monumento all’unità nazionale. Progettata e iniziata dall’architetto Alessandro Antonelli nel 1863, venne conclusa solo nel 1889. Era, all’epoca, con i suoi 167 metri e mezzo d’altezza, l’edificio in muratura più alto d’Europa. Nel 1961, in occasione delle celebrazioni per il Centenario dell’Unità d’Italia, venne inaugurato l’Ascensore panoramico che, rinnovato nel 1999, ancora oggi permette di salire fino al tempietto, a 85 metri d’altezza e ammirare la straordinaria vista sulla città e sull’arco alpino che la circonda


Museo Egizio

Il Museo Egizio di Torino è il più antico museo, a livello mondiale, interamente dedicato alla civiltà nilotica ed è considerato, per valore e quantità dei reperti, il più importante al mondo dopo quello del Cairo.

Nell’aprile 2015, il Museo ha portato a compimento un importante progetto di rinnovamento coniugando le esigenze della ricerca scientifica con quelle di fruizione del pubblico. Attualmente lo spazio museale è di circa 10.600 mq  e presenta 3300 oggetti esposti secondo un criterio cronologico che va dal 4900 a.C. al 750 d.C. Nel primo anno di rinnovamento, il Museo Egizio ha accolto 1 milione di visitatori


Viaggio e sistemazione:

L’idea per il viaggio è di sfruttare il servizio Frecciarossa diretto da Perugia che in meno di 5 ore ci porta a Torino lasciandoci gran parte della giornata a disposizione per la visita alla città. Per la notte abbiamo individuato un hotel posizionato in una zona molto tranquilla ma al contempo vicina al centro città e al Parco del Valentino, raggiungibili in 5/10 minuti a piedi.

Viaggio a/r con Frecciarossa Trenitalia diretto Perugia-Torino.

Sabato 7 Marzo: Perugia p. 5:30 > Torino a. 10:20
Domenica 8 Marzo: Torino p. 17:40 > Perugia a. 22:25

Piazza Vittorio Veneto e la Mole.

Parco del Valentino, cuore verde di Torino


Prenotazioni:

Il prezzo del pacchetto è variabile a seconda della disponibilità di posti in offerta “super-economy” ed “economy” sul Frecciarossa. Per questo motivo si consiglia agli interessati di prenotare quanto prima.
Attualmente per il viaggio, l’hotel (in camera doppia) e l’ingresso ai musei il costo a persona è di 195€ (esclusi i pasti).